"Sur les Accords Extraordinaires"

Musica per liuto barocco di François Dufaut, Pierre Gaultier, etc.

Sigrun RichterLiuto a 11 ordini secondo il modello Martin Hoffmann, Leipzig, 1697, da Nico van der Waals, 1992

 

François Dufaut, (1604 - 1670) è contemporaneo Denis Gaultier. Intorno ai 1620 ha avuto grande successo nella scena dei cerchi della nobiltà a Parigi e presto le sue opere entrano nelle collezioni a stampa dell'intraprendente editore Ballard.
La sua fama allora corre avanti già, quando partì nel 1652 per fare carriera come un virtuoso, al di fuori della Francia. Quattro anni più tardi Dufaut è apparso in prossimità della Corte di Innsbruck, poi si diresse a Londra, dove era ancora influente nel 1660 anche a causa del suo insegnamento tra la nobiltà.
René Milleran cita nella sua collezione di musica per liuto come miglior liutista insieme a Gaultier, Gallot e Mouton.
Le sue numerose composizioni in oltre novanta manoscritti in Francia, Inghilterra e Germania sono testimoni di questa lode. I molti manoscritti con un'alta percentuale di opere di Dufaut negli archivi svizzeri, austriaci, cechi e tedeschi mostrano la grande stima del virtuoso e le sue opere. Quasi 165 pezzi da lui sono stati conservati.
Constanijn Huygens, un appassionato olandese per il liuto, anche, allo stesso tempo, aristocratico, politico, poeta e compositore, lo chiama l'uomo più illustre come suonatore del liuto che io abbia mai visto e sentito.
"Certo, è il compositore più illustre che abbia mai sentito, e ha un carattere molto bello."
Mary Burwell su Dufaut:
Dufaut come virtuoso del liuto è dotato, ed è certamente un compositore molto particolare e, soprattutto, un uomo pieno di accoglienti ...