Les Accords Nouveaux IV

Lute News 124, December 2017

Les Accords Nouveaux IV: Esaias Reusner, Sigrun Richter, lute,Ambitus Amb 96 970

For the fourth volume in her exploration of Accords Nouveaux Sigrun Richter has moved fully into the baroque era with a CD devoted to the music of Esaias Reusner. Much of his music can be found in the two publications featured on this recording, Delitiae Testudinis (1667) (reissued twice under the title Erfreuliche Lauten-Lust) and Neue Lauten-Früchte (1676).

The music is refined and elegant, with rhythmic complexity augmented by subtle ornamentation and inegalité, as prescribed in Reusner's introductions to each book. Her playing is tuneful and stylish, with a sweet treble and warm bass, but it can also express darkness, as in the first movement of the A minor suite. She handles the rhythmic challenges and piquant discords with panache and successfully brings out the different character of each suite, which makes for a varied and engaging recital. Two fine lutes by Nico van der Waals are featured, one very resonant and used for all but the D minor suite, the other darker and more veiled, presumably strung appropriately for the tuning. This is a most welcome release that features much music that is rarely, if ever, heard.
John Reeve

 

ZEITSCHRIFT “IL FRONIMO”
Giorgio Ferraris über die CDs LES ACCORDS NOUVEAUX III und IV:

Richter affronta il repertorio di questi dischi con la sicurezza della veterana, ehe si puo permettere ogni raffinatezza stilistica, permeata sempre da bon gout, con agrements palesi e nascosti, scritti o improvvisati: son file, son enjle, jlattement, coule, tour de gosier, chute, accent, tremblement (feint, subit, appuye, double), inegalites, diminutions, rubato, arpegement .... Il suono, molto bello ed espressivo, e ben supportato dagli strumenti impiegati: due "undici ordini" di Nico van der Waals, uno del 1992 e uno del 1993. Per chi non lo conoscesse, solo un cenno sul liutaio: con un'esperienza cinquantennale, l'abilita suprema nell'uso del legno e una sensibilita musicale raffinatissima, e riconosciuto come uno dei massimi liutai viventi. Anche a lui si deve la fondazione del Castello del Liuto, un'istituzione culturale sempre piu importante.

Giorgio Ferraris

LUTE NEWS

117; 05/2016

Les Accords Nouveaux III: François Dufaut, Sigrun Richter, lute, Ambitus 96956

Sigrun Richter continues her survey of 17th century lute music with a disc devoted to the elusive François Dufaut (c.1604–70). Richter valiantly sets out what little is known of his life, including several laudatory mentions in letters by Constantijn Huygens, but has to conclude that his biography leaves many unanswered questions. Yet Dufaut and his music were held in the highest esteem, with pieces found in 90 lute manuscripts from across Europe and stretching as far as the mid 18th century.

Leggi tutto: LUTE NEWS

Les Accords Nouveaux I

The Lute Society Magazine, 1999

"...Il risultato è un CD, che piacerà a chiunque sappia valorizzare la qualità di una musica che è al tempo stesso profondamente intellettuale ma anche emozionale...

Si tratta di un repertorio che Sigrun Richter conosce benissimo ed ama, né io posso immaginarmi alcun liutista che sia meglio in grado di presentare questa musica a coloro che ne vogliono sperimentare l'eccezionale attrattività spirituale ed estetica.

Les Accords Nouveaux III

Radio Bayern-Klassik 2015:
L'interpretazione di Sigrun Richter è propriamente adatta e perfetta per evidenziare le caratteristiche dello stile di Dufaut.
Sigrun Richter, con un suono caldo, rotondo e profondo, segue il ricco contenuto dell'andamento delle voci.
Presenta un avvio pieno e leggero, oppure un'immagine libero del preludio con amabile musicalità - il momento di leggera profondità senza frettolosi virtuosismi che in se contiene le basi originarie francesi dell'epoca.

Leggi tutto: Les Accords Nouveaux III

Les Accords Nouveaux II

The Lute Society Magazine, 1999

Sigrun Richter suona questa musica con una sensibilità espressiva che valorizza pienamente il carattere individuale di ogni pezzo. Questi brani sono stati scritti da compositori che conoscevano perfettamente le possibilità dei loro strumenti ed hanno trovato in Sigrun Richter un'interprete che è cosi creativa da far sembrare oggi questa musica cosi viva come al suo primo apparire. Per una tale musica e una tale artista possiamo solo esser grati: e se la musica proviene soltanto da quseto periodo, la gioia che procura quando viene suonata da una tale liutista comprova che è senza tempo.

Les Accords Nouveaux I e II

Il Fronimo, rivista di chitarra, 2011
... la critica inglese ha elogiato senza condizioni questa pubblicazione e noi ci sentiamo pienamente di sottoscrivere il buon gusto, la padronanza dello stile e il piacere, anche le risorse culturali, che i due dischi offrono.

Leggi tutto: Les Accords Nouveaux I e II

Del Cielo d'Amor

2002

Neben Arciliuto, Chitarra alla spagnola, Viola da Gamba und Lirone erklingen ein 14-chöriger Chitarrone mit Messingbesaitung und metallisch silbrigem Klang, sowie ein 19-chöriger Chitarrone mit Darmsaiten, der neben den üblichen 14 Saiten zusätzliche, chromatisch gestimmte Bass-Saiten besitzt, um auch in der tiefen Oktave alle Halbtöne zu spielen.

Leggi tutto: Del Cielo d'Amor

Del Cielo d’Amor

Lute News 76, 2005
...This recording is absolutely excellent; if anything even better than Richter and Anders' very beautiful CD of Petrarch settings reviewed in an earlier issue.

Leggi tutto: Del Cielo d’Amor