Les Accords Nouveaux I e II

Il Fronimo, rivista di chitarra, 2011
... la critica inglese ha elogiato senza condizioni questa pubblicazione e noi ci sentiamo pienamente di sottoscrivere il buon gusto, la padronanza dello stile e il piacere, anche le risorse culturali, che i due dischi offrono.

Particolarmente interessante il repertorio proposto dalla Richter perché con un disco considera l'aspetto monografico di un autore, Pierre Gaultier, mentre con l'altro svolge invece una ponoramica sul mondo circostante con compositori come Mézangeau, Dubuisson, Chevalier, Bouvier e Dufaut.
Nei due dischi la Richter pone in luce tutta la seduzione idiomatica del liuto francese, imperniata su una estrema attenzione alla melodia che si compone, infarcita di abbellimenti, nelle difficoltà dello stile brisé. Le inegalités, gli accordi arpeggiati, il frasseggio, la cura nella realizzazione degli infiniti abbellimenti, le variazioni nei ritornelli, si alternano anche a momenti di puro virtuosismo nella Chaconne o nella Battaille di Gaultier, resi con la necessaria padronanza e sprezzatura.
La Richter utilizza in pieno le sfumature dai due bellissimi liuti impiegati: un 10 ordini Joh. Georg Houcken e un 11 ordini di Nico van der Waals.